1515: Difensori dei mercati nominati a Terni per evitare frodi

Difensori dei mercati: questo il titolo che veniva assegnato ai componenti di una commissione ante litteram di controllo dei prezzi e contro le frodi. La istituì il Consiglio dei Priori a Terni il 2 febbraio 1515, stabilendo un controllo controllo sui pubblici mercati, in special modo  quel mercato che si teneva ogni sabato nella zona di Porta San Giovanni, e precisamente nell’area della chiesa di San Nicolao fra le Porte, dirimpetto alla chiesa di San Cleto.

Fifensori
Pierre Mortier, Pianta di Terni, 1663. Part. della zona di Porta San Giovannni. In azzurro la chiesa di S.Nicolao, in giallo la chiesa si S.Cleto

Si ritenne necessario far sì che si osservassero le regole contenute nello statuto comunale per l’equità dei contratti al fine di tutelare la buona fede dei contraenti e di evitare frodi  e che nessuno avesse danno. Una commissione che venne subito nominata scegliendo un cittadino ed un banderaro per ognuno dei sei rioni cittadini. Quattro di essi mentre si teneva il mercato dovevano essere sempre presenti nella cappella mentre gli altri avevano il compito di perlustrare le vie e la piazza dove più attivo era il mercato.

 

Fonte: Lodovico Silvestri, “Collezione

di memorie storiche tratte

dai protocolli delle antiche

riformanze della città di Terni

dal 1387 al 1816″.

Ristampa a cura di Ermanno Ciocca.

Terni 1977, Ed. Thyrus.

 

Per leggere articoli simili cliccare

Precedente Graziata, dopo 23 anni di carcere torna libera a Sant'Urbano Successivo Moscatello e marmellata per "addolcire" Francesco Sforza