Crea sito

1923, San Giustino-Bocca Trabaria: vince Rogai, ma il titolo va a Ruggeri

san giustino
Damiano Rogai con la Harley Davidson 1000 cc

Quell’edizione del 1923 della corsa in salita San Giustino-Bocca Trabaria fu una delle più combattute. Li si concluse, infatti, una battaglia durata nove mesi tra i corridori motociclisti che puntavano alla conquista del titolo di campione d’Italia. Una gara impegnativa che si svolgeva su un percorso lungo 15 chilometri.

San Giustino
Umberto Ruggeri

Nella categoria delle moto più potenti, quelle di mille centimetri cubici, la San Giustino-Bocca Trabaria fu vinta da Damiano Rogai, su Harley Davidson che precedette Umberto Faraglia e Amedeo Ruggeri, cui bastò quel piazzamento per aggiudicarsi il campionato.

Oltre Ruggeri, si laurearono campioni tricolori Augusto Rava (Indian) nelle 750 cc, Pierino Opessi nella 500, Achille Varzi nella 350. Varzi si presentò all’ultima prova già virtualmente campione tano è vero che gareggio nella classe 500, al via della quale si schierò anche Luigi Fagioli che comunque si piazzò solo decimo.

Queste le classifiche della San Giustino-Bocca Trabaria del 1923

Classe 1000

  1. Rogai Damiano (Harley Davidson) in 13.32 2/5, media km. 65,368;
  2. Faraglia Umberto in 13.48 2/5;
  3. Ruggeri Amedeo in 13.55;
  4. Mignini Giuseppe in 14.48 4/5

Classe 750

  1. Rava Augusto (Indian) in 15.15 2/5, media 50,080;
  2. Panella Alfredo 16.13 2/5

Classe 500.

  1. Salf Edoardo (Norton) 13.36 1/5 media 65,957;
  2. Opessi Pierino, 13.53 3/5;
  3. Arcangeli Luigi 14 3/5;
  4. Moretti Primo 14.8 3/5;
  5. Mentasti Guido 14.10 ;
  6. Poletti Achille 14.12 1/5;
  7. Varzi Achille 15.0 2/5;
  8. Malvisi Oreste 15.2 3/5;
  9. 9. Staffa Vincenzo 15,18 1/5;
  10. Fagioli Luigi 15.19 2/5;
  11. Galli Annibale 15,27. Ritirati Berti Umberto e Capriani Renato.

Classe 350

  1. Alessandrelli Alessandro (AIS) in 15.21, media 57,654;
  2. Mincotti Gino 15.34 3/5;
  3. Mariani Isacco 15.40;
  4. Corrioli Francesco

ASSOLUTA

Rogai, Self, Faraglia, Opessi, Ruggeri