La confraternita di S.Giovanni decollato

Terni piazza della Repubblica 1918
La chiesa di San Giovanni Decollato

Il 5 aprile 1541

fu fondata a Terni “La venerabile Confraternita dì San Giovanni Decollato col titolo “della misericordia”. Il compito dei componenti della confraternita era quello di fornire i servizi di assistenza ai condannati a morte che erano rinchiusi in alcune celle del palazzo apostolico, lo stesso che oggi in piazza della Repubblica ospita la bibliomediateca comunale. Le regole di fondazione disponevano che ciascun confratello “dovesse portar li sacchi negri col carico che occurrendo che se condennasse alcuno per la giustizia si dovesse andare a confortare indurlo a penitenza accompagnarlo al luogo del supplizio e poi seppellirne il corpo con licenza de’ superiori“.
Ebbe all’inizio come sede la chiesa di San Pietro Vecchio, fino a quando non fu costruita quella di San Giovanni Decollato in Piazza Maggiore (oggi Piazza della Repubblica) nei cui sotterranei furono costruire anche alcune celle riservate proprio ai condannati a morte. La chiesa di San Giovanni decollato è stata abbattuta intorno al 1920 e molti degli abbellimenti che ne ornavano la facciata e dei capitelli delle colonne interne sono stati riutilizzati all’interno dei giardini pubblici della Passeggiata, ivi comprese le due sfingi che erano ai lati del portale d’ingresso.
La Confraternita di San Giovanni Decollato, in cambio dei servizi resi,  aveva il privilegio di salvare ogni anno un condannato a morte dalla pena.

©Riproduzione riservata
Precedente 1907: la "Serrata" delle acciaierie Successivo Cominciò come "Richard", poi fu campione del mondo