1578, il Comune concede l’acqua del Rivo S.Valentino per irrigare i campi

Acqua Cervino

Il 29 dicembre 1578 con un decreto consiliare il Comune di Terni concedeva a Niccola Salvatucci la derivazione  di una certa quantità d’acqua dal canale Cervino. Acqua che Salvatucci chiedeva al fine di irrigare il suo fondo in Vocabolo Valle Cupa, delimitato dalla proprietà Cuccioli, la strada romana (ossia il diverticolo della Salaria che scendeva verso Terni) e dall’altra dal Rivo di San Valentino.

La derivazione veniva concessa con la clausola che comunque non avesse apportato disagi per i proprietari adiacenti – cosa che non risultava – per cui si concedeva a Salvatucci di far scendere l’acqua verso il suo fondo con “maggiore facilità” attingendola dal Rivo di San Valentino.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è copertina.png
iN VENDITA: A TERNI LIBRERIA UBIK-ALTEROCCA (C.SO TACITO)
ON LINE. INTERMEDIA EDIZ.