Crea sito

Con Valerio Conti anche l’Umbria veste la Maglia Rosa al Giro d’Italia

Noè Conti

Romano “de Roma” Valerio Conti, la Maglia Rosa del Gito d’Italia? Si, è nato a Roma ma se è vero – come dicono – che bisogna essere “de Roma da sette generazzioni”, beh Valerio Conti è ancora alla prima. Nelle sue vene scorre infatti sangue umbro, di Montefalco. Di lì è originaria la famiglia Conti e li hanno contratto il germe della passione ciclistica Franco Conti e Noé Conti, il padre e lo zio di Valerio, i quali hanno corso entrambi tra i professionisti e con buoni risultati,. Entrambi sono nati a Montefalco.

Noè, fratello maggiore, era (è scomparso nel 2015) del 1933 ha corso in squadre prestigiose come la Bianchi con Coppi, la Ghigi, la Ignis con Baldini, La Phlico con Adorni Bitossi e l’altro corridore umbro Carlo Brugnami. Due le vittorie tra i professionisti, la Coppa Bernocchi del 1959 ee una tappa al giro dei Due Mari nel 1958, partecipando al Giro d’Italia, alla Milano Sanremo, al giro di Lombardia e alla Parigi-Roubeaix. Brillò soprattutto tra i dilettanti da quando, nel 1952, vinse a Terni il Gran Premio Pirelli. Quel giovanotto di Montefalco, ai più sconosciuto, mise in fila il fior fiore del ciclismo giovanile italiano (Il Gran Premio Pirelli era una gara molto prestigiosa) presentandosi sul traguardo ternano da solo e con un vantaggio di oltre sei minuti. Vinse poi il Gran Premio Pretola (nel 1954) e la classifica generale della gara a tappe Ernst Sachs Gedachtnis Rennen.

Franco Conti

Il fratello Franco, nato nel 1951 a Montefalco, aveva 12 anni quando Noè appiccò la bicicletta al chiodo. Ma era deciso a seguirne le orme. E così fu: Franco Conti vinse, da dilettante, il Giro d’Italia Baby nel 1976 e nel 1977 fu ingaggiato dalla Zonca Santini con cui rimase anche nel 1978 affiancando corridori come Poggiali, Passuello, e Pierino Gavazzi. Conti restò professionista fino al 1984 cogliendo solo alcuni piazzamenti.

La famiglia Conti si era nel frattempo trasferita a Roma e lì nacque Valerio. Adesso tocca a lui.