Liberati vince a Belfast e va in testa al motomondiale

Francorchamps

10 agosto 1957

Alla vigilia del Gran Premio dell’Ulster, penultima prova del mondiale di motociclismo che si disputò a Belfast, nella classifica per il titolo della classe 500, erano tre i piloti primi a pari merito: Liberati e McIntyre, entrambi con la Gilera, e Surtees su Mv.

Libero Liberati era inoltre secondo nella classe 350 dietro a Campbell (Guzzi) staccato di quattro punti.Il ternano era quindi in piena gara per l‘assegnazione di due titoli iridati, tra i quali puntava decisamente a quello più prestgioso della “classe regina”, la 500.

Belfast liberati vince foto però è liberati francorchamps
Libero Liberati

Già nelle prove della vigilia Liberati aveva fatto capire apertamente che l’obiettivo era la vittoria, ed aveva ottenuto la pole position alla media di 148,2 chilometri orari, precedendo il rientrante (dopo un infortunio) Geoff Duke, Surtees e Campbell con la Guzzi Otto Cilindri.

Il giorno della gara

La gara di campionato di Belfast fu un trionfo per le moto italiane. Nella classe 125 i primi posti furono appannaggio della Mondial e della MV; nella 250 Mondial ed MV si presero primo e secondo posto. La Guzzi fece primo e secondo davanti ad una Gilera nelle 350, ma la stessa Gilera nella 500 si prese una rivincita con gli interessi occupando tutto il podio sul gradino più alto del quale salì Libero Liberati. Sul traguardo del circuito di Belfast il ternano precedette Bob McIntyre e Geoff Duke, passando in testa alla graduatoria iridata con due punti di vantaggio su McIntyre. All’avvio Surtees con la Mv aveva subito conquistato la prima posizione- Liberati lo seguiva da vicino, pressandolo. Fino a che qualcosa nella MV dell’inglese si ruppe costringendo Surtees a fermarsi. Il “Ternano volante” riuscì a rintuzzare gli attacchi dei compagni di marca e a mantenere la posizione di testa fino al traguardo.

Nella 350, però, la Gilera di Liberati nulla potette contro le Guzzi monocilindriche di Campbell e Bryen, due australiani che si aggiudicarono primo e secondo posto con Liberati terzo. Campbell fu praticamente già campione del mondo della 350, guidando la classifica iridata con  30 punti contro i 24 di Liberati il quale in teoria avrebbe potuto abbrancare il titolo nell’ultima prova di campionato a Monza, ma il portacolori della Gilera, doveva arivare primo mentre Cmpabell sarebbe dvuto finire fuori della zona punti, vale a dire non doveva essere tra i primi sei classificati.

A Belfast è terzo
Remo Venturi

Storia chiusa, dopo Belfast, per il titolo mondiale delle 250, con Cecil Stanford ormai irraggiungibile in vetta e comunque vittorioso anche all’Ulster. Così come nelle 125 che vedevano Tarquinio Provini e la Mondial ormai inattaccabili, anche se sul circuito di Belfast vinse lo svizzero Taveri. Provini fu secondo. Terzo arrivò, con la MV, Remo Venturi, pilota di Spoleto.

 

GP dell’Ulster a Belfast

Le classifiche

 

Classe 125 – 1.Taveri (Svizzera- MV), 2. Provini (Italia - Mondial); 
3. Venturi (Italia – MV); 4. Chadwick (G.B. – MV); 
5. Miller (GB-Mondial); 6. Webster (GB-MV).

Classe 250 – 1.Sandford (GB-Mondial); 2. Chadwick (GB-MV); 
3. Robb (GB-Nsu); 4. Brown (GB –Nsu); 5. Andrews (Irlanda-Nsu);
6. Hodgins (GB-Velocette),

Classe 350 – 1. Campbell (Australia-Guzzi); 2.Bryen (Australia-Guzzi); 
3. Liberati (Italia-Gilera); 4. Hartle (GB-Norton); 
5. Chadwick (GB-Norton); 6. Puralow (GB-Norton).

Classe 500 – 1. Liberati (Italia-Gilera); 2. McIntyre (GB-Gilera);
3. Duke (GB-Gilera); 4. Tunner (GB-Norton); 
5. Bryen (Australia-Guzzi); 6.Shepherd (GB-MV).

  

TUTTE LE GARE MOTOCICLISTICHE 
DEL 1957, L'ANNO DI LIBERATI  CLICCARE⇒

Su)