Motociclismo, a Rogai il circuito del Trasimeno 1922

Damiano Rogai con la Harley Davidson

Il 27 agosto 1922, a Castiglione del Lago il fiorentino Rogai si aggiudicava la sesta edizione del Circuito Motociclistico del lago Trasimeno. Una prova impegnativa cui partecipavano, divise in due classi, moto di 500 e mille centimetri cubici di cilindrata. Un circuito di 56 chilometri ed oltre da ripetersi quattro volte, per un totale di 225 chilometri e che con partenza ed arrivo a Castiglione del Lago, toccava Borghetto, Passignano, Magione, Panicarola e Pineta.

“Le partenze sono avvenute da fermo a motore spento – raccontava il cronista – I partenti furono sedici. Alle 5 parti per primo Moretti con una macchina di 500 (una Frera), gli altri seguono (sic) alla distanza di un minuto. La corsa si è svolta senza notevoli incidenti, salvo quello toccato a Viotti il quale appena passato il traguardo del primo giro cadde in curva riportando la frattura della gamba destra e una ferita alla faccia”.

La vittoria andò appunto a Rogai di Firenze “con macchina di 1000 cmc che impiegò a coprire il circuito 2 ore 46’ 6” e 2/5”. Secondo fu Ruggeri, con la Harley Davidson, staccato di circa cinquanta secondi, anche lui su una mille. Ruggeri fu autore del giro più veloce compiuto ad oltre 83 chilometri orari di media. Staffa, passato sul traguardo con oltre un quarto d’ora di distacco da Rogai, fu vittorioso tra le 500, precedendo Taticchi, Spagnoli e Gallia.

®Riproduzione riservata