Terni e gli Sperelli: in poco più un secolo due vescovi e un governatore

Capitolo del duomo di Terni Sperelli

L’11 gennaio 1699 fu eletto e consacrato vescovo di Terni Cesare Sperelli, con grande favore da parte dei cittadini. Gli Sperelli, nobile famiglia di Assisi, avevano già avuto modo di farsi conoscere a Terni, dove Monsignor Sperello Sperelli era stato governatore nel 1561. “Huomo di tanta bontà fece sperimentare gli effetti di queste virtù con havere obligato questo Illmo Senato d’annoverarlo nel numero de Nobili con pienezza de’ voti”.

sperelli
Sperello Sperelli vescovo di Terni dal 1684 al 1698

Nel 1684 un suo discendete e omonimo, Monsignor Sperello Sperelli divenne vescovo a Terni “per lo spatio di quattordici anni havendo retta questa Chiesa con tanta prudenza et carità et affetto che ha obbligato non solo tutta la Nobiltà, ma anche tutti li corpi della città coi suoi cortesissimi trattamenti et generosissima pietà verso li poveri”. Sperello fu poi nominato cardinale ed assessore della congregazione dell Romana e sacra inquisizione, per uùcui lasciò l’incarico di Vescovo.
Uno Sperelli – Sperello – che va ed un altro che viene, Cesare. Fu lui nel 1698 a succedere al suo congiunto alla guida della Diocesi di Terni, e quindi volentieri il Senato cittadino “essendo stato costume di questa città di fare al nostro Vescovo un regalo di scudi trecento, si facci un simile regalo a Monsignor Illmo un simile regalo”.
Cesare Sperelli fu vescovo di Terni fino al 1720, quando rinunciò.

 

 

Fonte: Lodovico Silvestri, “Collezione di memorie

storiche tratte dai protocolli delle antiche

riformanze della città di Terni dal 1387 al 1816″.

Ristampa a cura di Ermanno Ciocca.

Terni 1977, Ed. Thyrus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*