Tomba “romana” scoperta a S.Maria Maddalena

tomba

21 febbraio 1971 – Un’antica tomba ritornò alla luce a Santa Maria Maddalena, alle porte di Terni, durante lavori di sterro che con pala e piccone si stavano effettuando in un podere. Una tomba povera, a prima vista, che si faceva risalire all’epoca romana, ancora intatta e che conservava lo scheletro della persona che v’era stata sepolta. Trovata anche un’anfora che però fu fatta in cento pezzi con un colpo di piccone, forse per baglio o forse perché si pensava che custodisse qualcosa di prezioso. Comunque fu avvertita la sovrintendenza che bloccò i lavori per procedere ad une esame della tomba, scavata nel tufo che – scrisse il Messaggero – “abbonda nella zona”.

Che poi la tomba fosse davvero d’epoca romana rimaneva tutto da dimostrare: la zona di Santa Maria Maddalena è in posizione rialzata ma vicino al corso del Nera, dalla sponda opposta però rispetto alla grande necropoli che era stata ritrovata al tempo degli scavi per la costruzione delle acciaierie, ma vicinissima al Colle Obito dove oggi sorge l’ospedale ma che sembra sia stato luogo di sepolture numerose.