1926, sul circuito di Piano di Massiano Pintacuda vince il “Premio Perugino del Turismo”

Il vincitore Pintacuda

Nel 1926 la terza edizione della Coppa della Perugina di automobilismo fu inserita quale avvenimento clou di una settimana motoristica perugina che prevedeva l’assegnazione del “Premio perugino del turismo”. Nessuno si aspettava che l’iniziativa avesse tanto successo, e fu una sorpresa l’interesse da parte di noti campioni che si iscrissero.

Si cominciò il 23 maggio. Il circuito era quello classico: Piano di Massiano, Stazione Fontivegge , San sisto, Strozzacapponi, Ellera, Olmo, Ferro di Cavallo, Piano di Massiano per 16 chilometri e 400 metri da percorrere sei volte per un totale di 98 chilometri e 400 metri.

Tra le categorie di concorrenti una era riservata alle signore. Le partenze iniziarono alle 11 del mattino con i concorrenti che prendevano il via ad intervalli si un minuto.

Subito in lotta Brlli Peri e Pintacuda, ma poi Brilli Peri dovette ritirarsi al terzo giro. Pintacuda ebbe così via libera, nonostante la rimonta di Aymini che arrivò a contendergli il primato.

Le classifiche

Categoria oltre 2000 cc: 1) Pintacuda (Alfa Romeo) in 1h3’37” alla media di km. 92,758; 2) Aymini (Biatto) a 46” e 4/5; 3) Delanger (Lancia).

Categoria 2000 cc: 1) Cortese (Itala) in 1h13’50”, media km. 79,963; 2) Marameo (OM)

Categoria 1500 cc: 1) Oresini (Fiat) in 1h 19’50” 4/5, alla media di Km 74,546; 2)Rosi (OM),

Categoria 1100 cc: 1) Fagioli (Salmson) in 1h15’.

Giro più veloce: Pintacuda in 10’10”1/5 media 93,500.

Prima della gara automobilistica si disputo una corsa motociclistica per gentlemen. Queste le classifiche.

Categoria 500 cc (km.65,600): 1) Mariotti (AJS), in 1h8’25” e1/5 media km 86,206; 2) Periccioli (Sumbeam); 3) Petruccioli (Norton).

Categoria 350 cc (kkm 65,600). 1) Nencini (Piana) in 1h11’21” media km 62,747; 2) Cicioni (AJS); 3) Croci (Piana)

Categoria 175 cc 1) Crescimbeni (GD) in 1h 4’54” alla media di 64,764; 2) Severi (Mantovani), 3) Taticchi (Orione).